Fonti sovranazionali e professione forense

Per l’avvocato matrimonialista, o che si occupa di minori, e di persone soprattutto fragili (disabili, anziani, in fine vita) i grandi rivolgimenti sociali sul tema famiglia spesso provocano dei problemi applicativi e interpretativi per i vuoti normativi. Difatti l’ordinamento giuridico sulle relazioni familiari non è al passo con tali rivolgimenti. Necessario ritrovare i canoni interpretativi riflettendo sui diritti fondamentali: la giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo offre una grande ricchezza di spunti, principi, casi. La difficoltà di conoscere la vasta produzione della Corte di Strasburgo (i cui provvedimenti sono in lingua straniera, molto lunghi, articolati e complessi, basati sul singolo caso concreto) sono ovviabili con alcuni strumenti come ad esempio il portale CEDUINCAMMINO realizzato dal CAMMINO-Camera Nazionale Avvocati per la persona, le relazioni familiari e i minorenni su progetto e direzione dell’Autrice, Maria Giovanna Ruo.

Per leggere l’articolo completo visita il link http://www.rivistafamilia.it/2020/03/09/fonti-sovranazionali-professione-forense/